FRANCESCO BRIGGI

Nato in terraferma, come i veneziani chiamano l’entroterra veneto, Francesco sin da bambino ha avuto la passione per il costume. Da Zorro all’Ussaro il passo è breve e la preparazione del costume di carnevale impegnava l’intero anno, pur seguendo il suo corso di studi e facendo scelte di vita e professionali lontane dal mondo dell’abito storico. Ma le passioni, quando sono vere, non si possono contenere così Francesco, con il sostegno e l’aiuto di Annamaria sua moglie, lascia un lavoro sicuro nell’editoria per iniziare l’avventura nel mondo dei costumi.
Dal 26 novembre 1994 sono passati venti anni. Venti anni di soddisfazioni, paure, e condivisioni. Condivisioni con le migliaia di clienti ed amici che da tutto il mondo lo incoraggiano a proseguire in questa splendida avventura esportando le creazioni di Francesco nei palcoscenici, palazzi e collezioni pubbliche e private dei paesi più lontani.
Venti anni di studio e maturazione continua, durante i quali l’innato gusto si è affiancato a tecniche sartoriali sempre più sopraffine e alla riscoperta di un taglio dimenticato da secoli recuperato non solo con pazienza, ma anche con l’innata capacità di adattare la storia al corpo di oggi. Ecco quindi il difficile compito con cui si confronta Francesco ogni giorno: coniugare il suo gusto, la storia con il sogno di chi indosserà l’abito. Un compito che venti anni di successi incoraggiano a portare avanti.

L'ATELIER

Da venti anni è iniziata la storia dell’Atelier Pietro Longhi. Una storia fatta di scelte difficili in nome della qualità, dell’artigianalità, della cultura del costume. Per questo motivo l’atelier è citato nelle più importanti guide della città come luogo di riferimento per il lusso legato all’artigianalità per agli estimatori del pezzo unico.
Nel best seller mondiale “Inferno” di Dan Brown ben si esprime lo spirito schivo di Francesco Briggi, e la sua passione per la creazione che può avvenire solo nella grande sartoria immersa nel verde della barchessa ottocentesca che accoglie anche l’unica cappelleria di tutta l’area veneta. Riassumere la storia dell’atelier è impossibile, almeno quanto dire quale sia l’abito più bello (“il prossimo” è solito dire Francesco!).
Dalle continue presenze sul palco più prestigioso del Carnevale di Venezia agli eventi più importanti che si tengono in città, sotto l’egidia delle istituzioni più attente alla conservazione della qualità artigianale sino alla realizzazione di allestimenti museali e la realizzazione di eventi di cui l’atelier stesso si fa promotore.

LA CAPPELLERIA

L’ultima avventura dell’Atelier Pietro Longhi è stata l’acquisizione di una macchina informatrice vecchia di oltre 100 anni. Il vecchio cappellaio chiese a Francesco se voleva proseguire con questa tradizione artigiana o se il macchinario dovesse essere donato ad un museo.
Non è stato facile, sia adattare una vecchia macchina alle necessità di salute e sicurezza di oggi, sia imparare una nuova tecnica ed acquisire una manualità vecchia di secoli…
Grazie alla passione di Annamaria per gli accessori si è fatto il grande passo, e a tuttoggi la macchina informatrice dell’Atelier Pietro Longhi è l’unica operante nel Veneto, e da oltre dieci anni fornisce, grazie alla maestria di Francesco ed Anna, cappelli ai rievocatori e collezionisti di tutta Europa.

Atelier Pietro Longhi per la cultura

Distintosi per la ricerca scientifica e punto di riferimento per docenti, studenti e professori italiani ed europei, l’Atelier Pietro Longhi ha collaborato con diversi enti culturali e musei; offrendo non solo il servizio di noleggio dei costumi, ma anche i supporti media per la completa realizzazione di mostre permanenti e temporanee. Sempre più spesso l’Atelier organizza incontri in strutture cittadine o all’estero.
Collaborando con modelle e modelli o con l’ausilio di alcuni manichini sartoriali i costumi prendono vita e vengono illustrati davanti ad un pubblico che così vede l’evoluzione della moda e nel contempo la vive. Ecco solo alcune delle istituzioni museali per cui abbiamo lavorato:
Fondazione Musei Civici di Venezia
Comune di Cimadolmo, allestimento museo San Michele di Piave
Comune di Valstagna, allestimento "museo della carta alle Grotte di Oliero
“Museo del Castello di Malconsiglio”, Miglionico-Matera
FINBARD SPA: “Forte Bard” riproduzione filologica di uniformi sabaude
Change Performing Arts srl, “Option of luxury"
Museo Castello del Buonconsiglio, Trento
“L’abbigliamento italiano nei secoli” Seoul, Corea del Sud
“Il potere nei secoli”, Castello Brandolini-Colomban, Cison di Valmarino, Treviso
“Venezia, l’arte e il suo carnevale maschere e costumi”, Buenos Aires Argentina
“Il carnevale di Venezia: Its Costumes & Masks” San Francisco, California

Festeggiamenti e rievocazioni esclusive

L’abito prende il suo pieno significato solo se indossato, ed è per questo che con l’aiuto di Raffaele Dessì, collaboratore da anni dell’atelier, si sviluppano festeggiamenti privati e rievocazioni pubbliche con l’intento di ricreare momenti di divertimento esclusivo dove musica, danza, teatro e moda diventano un unico per creare momenti indimenticabili.
Nei saloni dei palazzi di tutta Europa, nelle piazze nei musei italiani lo staff dell’Atelier Pietro Longhi si occupa di curare dall’allestimento delle sale, alla ricerca dei menù alla scrittura dei testi e delle regie che daranno forma all’intero evento, ogni volta diverso, perché diverso è lo spirito, il luogo, ed il tema del festeggiamento stesso.

Ecco alcuni degli eventi pubblici cui abbiamo partecipato e molto spesso completamente organizzato:

Carnevale di Venezia, Regata Storica di Venezia Festa del “Redentore”

Rievocazione Storica “Il passaggio di Caterina di Svezia a Ficarolo”

Rievocazione storica “Venezia 1848: i luoghi e i racconti”
Rievocazione storica “La festa del Duca: sipari ducali”. Urbino, due edizioni

Rievocazione storica “Alla corte del Doge”, città di Este, Padova, quattro edizioni.

Inaugurazione del Museo dell’Aria, “Marengo 2000”

…per quelli privati vi rimandiamo alle foto, e vi invitiamo a quelli che verranno!

PRODUZIONI

Sempre più spesso l’Atelier collabora con case di produzione internazionali per la realizzazione di documentari, cortometraggi, servizi, nei quali viene richiesta la competenza dello staff non solo per la fornitura dei costumi, ma anche per il controllo della coerenza dei set riguardo arredi ed accessori, e lo stesso storyboard.

Ecco solo alcuni delle ultime case di produzione per le quali abbiamo lavorato: RAI 1, RAI 5, RAI 3, RAISAT, Arté (France), ZDF, ORF, France Press, Cineroma, Miramedia GmbH, BBC, National Geographic, SAT 2000, Terzomillennio, Discovery Channel, Disney Channel, Sky TV.
“La Venexiana” film di P. Squitieri. Con C. Cardinale.

“Il Giovane Casanova” film per la TV. Con Stefano Accorsi.

“La magnifica preda” film per la TV

G2 Communication, “Millennium” diretta non stop capodanno 1999 per la RAI, RAISAT. Venezia, Dicembre 1999.
“The Venice Project” film presentato alla mostra del cinema di Venezia edizione 1999 e al Festival del cinema di Cannes edizione 2000. Regia R. Dornheailm, con L. Bacall, D. Hopper, B. Cross, M. Maestro, D. Stokwell, A. Galiena, L. Rodge.

L’Atelier ha inoltre collaborato alle seguenti produzioni teatrali: “Turandot” di G. Puccini, “Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini, “La Traviata” di G. Verdi. “Serva Padrona” “Lo schiaccianoci” “Il Barbiere di Siviglia”, di G. Rossini,